.
Annunci online

OcchiLadri
25 novembre 2014
a te.
A mia figlia,
che ancora al mondo non c'è e chissà mai se arriverà.

Che la tua bocca sorrida sempre e sia in grado solo di pronunciare parole dolci, parole di gioia.
Che tu possa essere sempre sorpresa quando il vento ti scompiglia i capelli o ti stropiccia le guance, che tu possa tirare fuori la lingua ed assaggiare la pioggia fresca dell'estate o sentire sempre braccia calde attorno a te nei giorni freddi dell'inverno, ovunque tu lo trascorra.
Che i tuoi piedini dapprima piccoli e poi di donna ballino sempre anche se non prenderai mai lezioni di danza, che percorrano molte strade apprezzando anche quelle più ripide e tortuose, consapevoli che arriverà poi la discesa in finine la pianura del ristoro.
Che il tuo cuore sia sempre colmo di gioia ma mai disarmato dinanzi alle insidie del mondo, che sia pieno di amore da donare anche quando non esplicitamente richiesto, che il tuo cuore sia pieno di carità e bontà, che sia puro ma al tempo stesso attento a non svendersi mai.
Che il tuo sia un cuore guerriero, un cuore pronto a rispondere alle sfide del mondo, alle sfide degli uomini e della società sempre più selvaggia a cui ti donerò, mio malgrado.
Che tu abbia astuzia e furbizia ma mai malizia o malvagità, che tu possa essere un filo d'erba sottile e chiaro in grado di rispondere agli schiafi del mondo senza mai spezzarti, ma anzi rispondendo a questi con sempre maggiore tenacia e forza d'animo.
Che tu possa essere costante nello studio, nel lavoro e nell'amore, che tu possa essere saggia e consapevole di te stessa e del tuo corpo che immagino minuto ed armonioso come un valzer ballato in punta di piedi.
Che gli specchi non ti siano nemici ma amici, confidenti di segreti ma mai di bugie, riflessi sinceri del tuo viso e dei tuoi occhi di stella.
A te mio piccolo filo sottile che nuoti nell'universo, a te mia stella lontana ma luminosa, io dono i miei sforzi e sacrifici perchè ti siano degni quando verrò a chiamarti con sussurri gentili.
A te mio piccolo semino che voli fra le nuvole più alte e bianche, a te che sei un sogno, una fantasia, avvolto nella bambagia, io dono la mia speranza di un mondo migliore.
E se invece di essere una bambina tu dovessi essere un bambino, il mio desiderio, il mio amore ed il mio augurio rimangono invariati. Non ci sarebbe minore tenerezza ma semmai la speranza che i tuoi occhi possano un giorno posarsi su una donna così, che i tuoi occhi possano incrociare quelli di una donna che saprà sinceramente amarti come io che pur ancora non ti conosco ti amo già con la lucida follia di chi sogna ad occhi aperti.

Ai figli che un giorno, spero, avrò.
Che la vita gli sia serena e facile, che il mondo li tenga al caldo come io venni tenuta al caldo nel ventre di mia madre, che i loro occhi possano essere sempre lieti, il loro animo leggero e le loro speranze sempre vive. Che le loro parole possano sempre essere di gioia e di conforto e mai di offesa o di dolore. Che imparino dagli errori e che questi siano anche abbondanti perchè la vita è palestra, non pigro esercizio di stile.
Che guardino sempre oltre la siepe e che imparino a contemplare l'infinito senso della vita.

A tutti i bambini del futuro, non solo miei, che la vita vi sia sempre lieta e che accanto alla vostra mano ci sia quella di qualcuno disposto ad amarvi incondizionatamente.



permalink | inviato da OcchiLadri il 25/11/2014 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

ambarabacciccicoccò



IL CANNOCCHIALE