Blog: http://OcchiLadri.ilcannocchiale.it

ciò che resta.

La musica sceglietela voi.
http://www.youtube.com/watch?v=8UVNT4wvIGY
http://www.youtube.com/watch?v=vZarE8_M3fc


Di noi restano solo coriandoli,
piccoli volantini di un'esistenza passata.
Frammenti di occhi, di sorrisi, di mani che si sfiorano.
Frammenti che mi hai conficcato nel cuore, frammenti con cui mi sono tagliata i polsi, i capelli, le dita e le mani senza fiatare.

Di noi sono rimasti coriandoli nella memoria,
cordiandoli di suono, di colori, di eventi.
Coriandoli sparsi, coriandoli disordinati, egocentrici, evanescenti.

Cordiandoli di un carnevale grottesco, durato quattro anni.
Un carnevale di Pierrot disperati, di Colombine suicide ed Arlecchini sadici.
Un carnevale disgraziato, un carnevale infame e lento come un carillon guastato.

Coriandoli guasti,
coriandoli di un mondo lontano, dimenticato, cancellato, strappato a morsi dalla carne.
Coriandoli di sorrisi felici, candidi e splendenti,
sorrisi armati delle migliori speranze, dei propositi più genuini.
Sorrisi delusi, ingannati, falliti.
Demoliti, uccisi.

Ciò che resta di me e di te sono solo coriandoli,
coriandoli che non voleranno mai dalle mani festose di un bambino ma che finiranno al macero, senza pietà, come senza pietà mi hai vista rotolare giù nell'abbisso del dolore e nulla hai fatto per porgermi una mano.



Succede così, per caso, che un giorno io mi decida di rinnovare la mia stanza e mi imbatta in quello che ero quasi dieci anni fa.
Succede così, per caso, che io mi ritrovi a distruggere una parte di quell'esistenza,
illudendomi che basti così poco per cancellare il dolore che ho provato.
Succede però, per caso, che si provi più dolore nel strappare l'immagine del proprio volto che non quella del viso altrui.
 diciannove anni. un fiore di pesco. quanta dolcezza.

non te la meritavi.non te la sei mai meritata.



Ci sono strappi che si ricuciono molto lentamente ed altri che non si ricuciranno mai.

Che faccia male anche a te, che ti punga nel punto più intimo e profondo.
Credimi,
sarà un decimo di quello che ho sofferto io.

Sopravviverai,
non volermene.






Pubblicato il 16/9/2013 alle 17.13 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web